Come una bestia

13,50 €
8,61 €
You save:
2,02 €
In Stock
Un mestiere può trasformarsi in una passione ossessiva e totale? È quanto accade a Pim che, finiti gli studi superiori, decide di fare il macellaio con l’obiettivo abnorme di diventare il piú grande macellaio del mondo. Innamorato della carne, accarezza le ragazze come palpa le carcasse, si identifica con gli animali che vanno al macello, con le mucche nelle fattorie, si incarna in ciò che ogni giorno seziona e conosce alla perfezione. È un boia che fa corpo con la propria vittima, in un libro che si legge tutto d’un fiato, con la passione con cui si leggerebbe una storia d’amore. Perché, come dice Lévi-Strauss nell’epigrafe di questo romanzo brillante e crudele: “Il modo piú semplice di identificarsi con l’altro da sé, è ancora mangiarlo”.
 Torna a: Romanzi - Narrativa

Come una bestia

di Joy Sorman

[Francia]

pag 160

Un mestiere può trasformarsi in una passione ossessiva e totale? È quanto accade a Pim che, finiti gli studi superiori, decide di fare il macellaio con l’obiettivo abnorme di diventare il piú grande macellaio del mondo. Innamorato della carne, accarezza le ragazze come palpa le carcasse, si identifica con gli animali che vanno al macello, con le mucche nelle fattorie, si incarna in ciò che ogni giorno seziona e conosce alla perfezione. È un boia che fa corpo con la propria vittima, in un libro che si legge tutto d’un fiato, con la passione con cui si leggerebbe una storia d’amore. Perché, come dice Lévi-Strauss nell’epigrafe di questo romanzo brillante e crudele: “Il modo piú semplice di identificarsi con l’altro da sé, è ancora mangiarlo”.

 

Autore

Joy Sorman, nata a Parigi nel 1973, scrittrice, saggista, giornalista, ha vinto con il suo primo romanzo Boys, boys, boys, manifesto per un “femminismo virile”, il Prix de Flore nel 2005. È autrice di numerosi libri, pubblicati in Francia da Gallimard. Nel 2013 è stata nominata Cavaliere dell’Ordine della Arti e delle Lettere dal Ministero della Cultura francese. Come una bestia ha vinto il premio Georges Brassens 2012.

 

NUOVO
BROSSURA

Recensioni

Sabato, 28 Marzo 2015

fuori dagli schemi, godibilissimo

consigliato

(R)