Desperados

18,00 €
11,48 €
You save:
2,70 €
In Stock
Le storie vere di leggendari banditi, fuorilegge e assaltatori di banche, treni e diligenze del West. Un ritratto unico e nitido, autorevole e appassionante di queste ombre a cavallo che attraversarono la scena del grande melodramma americano del Middle Border, dove si traccia un illuminante e inedito parallelo tra la banda dei fratelli James e Younger e il famigerato Mucchio Selvaggio che circondava Butch Cassidy. Tutti uomini in carne e ossa, disperati e malvagi ma non privi di fascino.
 Torna a: Biografie / Diari & Lettere

Desperados

L'epopea dei fuorilegge americani da Jesse James a Butch Cassidy

Autore: James D. Horan

Introduzione: Jim Dullenty

Prefazione: Robert A. Pinkerton II

illustrato foto bn

pag 384

 

In questo suo piacevole saggio narrativo ormai considerato un classico, Horan ripercorre le storie vere di leggendari banditi, fuorilegge e assaltatori di banche, treni e diligenze del West. Un ritratto unico e nitido, autorevole e appassionante di queste ombre a cavallo che attraversarono la scena del grande melodramma americano del Middle Border, dove si traccia un illuminante e inedito parallelo tra la banda dei fratelli James e Younger e il famigerato Mucchio Selvaggio che circondava Butch Cassidy. Tutti uomini in carne e ossa, disperati e malvagi ma non privi di fascino.

Il libro ci rivela così il carattere insicuro e ombroso nascosto dietro alla maschera da bandito di Jesse James, sfatando al contempo il mito del Robin Hood che non trascura mai una nobile attenzione nei confronti dei diseredati o un gesto galante verso il gentil sesso. La sua morte per mano di Bob Ford mise fine a un regno del terrore che sconvolse il Middle West per ben sedici anni.

Ma ancora più a ovest Butch Cassidy, Sundance Kid e i loro compagni erano pronti a profilarsi e incombere sullo stesso “banditesco sentiero”. Dal 1882 al 1889 il Mucchio Selvaggio formò un piccolo esercito che riunì centinaia di spietati razziatori, malviventi, giocatori d’azzardo, ladri di cavalli, ballerine d’infimo ordine e cowboy rinnegati. Dal loro covo sulle colline sfidarono il governo degli Stati Uniti tenendo testa a interi squadroni di cavalleria, fino a quando i suoi capi si trasferirono in Sud America, rimanendo simboli viventi di un’intera era della storia americana. 

 

“Che gusto c’era nel mungere una mucca se avevi tante occasioni per rimescolarti il sangue in sella al tuo cavallo, se avevi sempre vissuto, ora per ora e giorno per giorno, in un mondo primitivo e selvaggio dove regnava soltanto una legge: uccidere o essere ucciso?"

“Voi mi prendete il cavallo,ma in cambio cosa mi date?” “La vita” rispose Jesse con un bieco sorriso. E imitando l’accento dell’agricoltore, aggiunse: “E che altro volevi avere?”

Autore

James D. Horan (1914-1981), storico, romanziere e giornalista americano, si laureò al Drake College del New Jersey, specializzandosi al Writing Center della New York University. Nel 1944, come giornalista del New York Journal American, vinse il premio Pulitzer per un saggio sulla penicillina, pubblicato nel 1943 con il titolo Seven Hours to Live. Fu autore di oltre quaranta libri; la sua opera in tre volumi The Authentic Wild West fu definita dal New York Times Review “il migliore libro sul West mai dato alle stampe”.

Jim Dullenty, storico e giornalista americano, è oggi direttore della casa editrice Rocky Mountain House Books, nel Montana.  Editor delle riviste True West, Old West e Frontier Times e cofondatore della National Association for Outlaw and Lawman History, oltre al libro Harry Tracy, the Last Desperado (Dubuque 1988) ha scritto centinaia di articoli sulla storia del West.

NUOVO
BROSSURA

Recensioni

Domenica, 19 Aprile 2015

storie vere dei ribelli criminali più famosi del west

(R)