Inferno bianco

19,90 €
12,69 €
You save:
2,98 €
In Stock
La storia della sfortunata spedizione Wilcox che nel 1967 raggiunse la cima del monte McKinley (Alaska) per poi ritrovarsi a lottare sulla via del ritorno con una tempesta artica a 6100 metri di altitudine con venti a 450 chilometri orari. nel libro il racconto dei sopravvissuti, e dei testimoni che tentarono il soccorso.
 Torna a: Esplorazioni / Montagna

Inferno bianco

- Dodici alpinisti, una tempesta artica sulla vetta del McKinley, un soccorso quasi impossibile

di Andy Hall (Autore), P. Mazzarelli (Traduttore), D. Petruccioli (Traduttore)

237 pagine

 

Quell'estate, mentre i "Beatles" cantavano "Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band" e gli hippies giravano il mondo al motto di Love & Peace, i dodici ragazzi della spedizione Wilcox avevano deciso di puntare molto in alto, alla cima del McKinley.

L'organizzatore della spedizione era Joe Wilcox, laureato alla Brigham Young University, che era riuscito a mettere insieme una squadra di alpinisti tanto entusiasta quanto eterogenea. Durante la salita avevano dovuto affrontare problemi di acclimatamento, l'esplosione di un fornello da campo, la caduta in un crepaccio... tutti piccoli inconvenienti, tuttavia, di fronte alla tempesta artica che il 18 luglio si scatenò sulla vetta del McKinley.

A 6100 metri di altitudine, gli alpinisti dovettero affrontare venti a 450 chilometri orari in grado di congelare la carne viva in pochi minuti. E tutto senza l'equipaggiamento tecnico dei nostri giorni. Solo cinque di loro si salvarono. La spedizione divenne tristemente famosa nel mondo, stampa e televisioni ne parlarono a lungo, ma tanti aspetti rimasero in ombra.

 

Autore

Andy Hall, giornalista e figlio dell’allora direttore del Denali National Park, ha raccolto le testimonianze dei sopravvissuti, ha trovato documenti che sembravano perduti, ha ascoltato le registrazioni di tutte le comunicazioni radio. E il libro che ha scritto, Inferno bianco, non è solo il resoconto appassionante di una delle maggiori tragedie in montagna, ma è anche una storia di uomini che mettono a repentaglio la propria vita per salvare quella degli altri. Ed è la storia di come si andava in montagna un tempo, di quante cose siano cambiate e di come, oggi, forse altre vite si sarebbero potute salvare. O forse no.

Recensioni

Sabato, 28 Marzo 2015

una storia vera, sulla contesa tra uomo e natura,
molto appassionante

(R)