L'autobus di Rosa (età dai 9)

11,50 €
9,78 €
You save:
1,72 €
In Stock
Detroit. Henry Ford Museum. Su un autobus d’altri tempi, al centro di un grande salone, sono seduti un vecchio afroamericano e un ragazzino, il nipote. È l’autobus di Rosa Parks, quello sul quale, a Montgomery in Alabama, lei si rifiutò di cedere il posto a un bianco. La storia il vecchio la conosce bene: su quell’autobus, quel primo dicembre del 1955, c’era anche lui. E comincia a raccontare.
 Torna a: I libri di OLIVIA [bambini 0-11]

L'autobus di Rosa

di Fabrizio Silei 

illustrazioni di Maurizio A. C. Quarello 

(dai 9 anni in su)

pagine 40

cm. 20 x 30 

 

Detroit. Henry Ford Museum. Su un autobus d’altri tempi, al centro di un grande salone, sono seduti un vecchio afroamericano e un ragazzino, il nipote. È l’autobus di Rosa Parks, quello sul quale, a Montgomery in Alabama, lei si rifiutò di cedere il posto a un bianco.

La storia il vecchio la conosce bene: su quell’autobus, quel primo dicembre del 1955, c’era anche lui. E comincia a raccontare. Di quando nelle scuole c’erano classi per bianchi e neri; di quando nei locali pubblici, proprio come ai cani, era vietato l’ingresso alle persone di colore; di quegli uomini incappucciati di bianco che picchiavano, bruciavano, uccidevano.

Il bambino sgrana gli occhi incredulo, il vecchio è commosso. Ma non è tanto il dolore di quei ricordi a bruciargli, quanto la memoria di quel giorno. Di quando non solo non assecondò il rifiuto di Rosa, ma di tutto fece per distoglierla.

Con il sostegno di Amnesty International, una grande coedizione internazionale per raccontare ai più piccoli la donna che cambiò la storia dei neri d'America.

 

Autori

Fabrizio Silei è nato a Firenze nel 1967, autore di albi, saggi, romanzi e racconti rivolti a bambini e ragazzi, si dichiara “ricercatore di storie e vicende umane”, non riuscendo a dimenticare gli anni passati a lavorare, come sociologo, su identità e memoria. Esperienze che si riversano nei suoi libri: il negazionismo della Shoah è al centro del romanzo “Alice e i Nibelunghi” (Salani). Il mondo in disfacimento dei balilla è lo sfondo del suo romanzo “Bernardo e l´angelo nero” (Salani). È anche creatore di magici giochi di carta in forma di libro che gli hanno valso numerosi premi. Fra i suoi ultimi libri “Alfabetiere” (Electa kids) e “Mio nonno è una bestia” (Il Castoro). Nel 2014 ha preso il premio Andersen "Scrittore dell'anno". Nel catalogo di orecchio acerbo "Fuorigioco" illustrato da Maurizio A. C. Quarello (2014) e “L’autobus di Rosa” illustrato da Maurizio A. C. Quarello (2011). 

Maurizio A. C. Quarello è nato nel 1974 a Torino, dove ha studiato grafica, architettura e illustrazione. Dopo varie esperienze nella pubblicità e nella pittura naturalistica, a partire dal 2004, si è dedicato all’illustrazione per l’infanzia ottenendo, in quell’anno, il Prix des Mediateurs Figures Futur al Salon de Montreuil e tre primi premi a concorsi di livello nazionale. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo libro con orecchio acerbo editore. Ad oggi ha al suo attivo oltre trenta titoli, pubblicati dalle più interessanti case editrici in Spagna (OQO), Francia (Sarbacane, Rouergue, Milan), Svizzera (Bohem Press) e, naturalmente, Italia (orecchio acerbo, Fatatrac e Logos). I suoi libri hanno ricevuto quattro volte il premio per il migliore albo dell’anno pubblicato in Italia. All’estero hanno ottenuto numerosi riconoscimenti e selezioni quali il secondo premio Mejor Editados e il Premios Visual in Spagna, White Ravens in Germania, Livres au trésor e Prix des Incorruptibles in Francia, il Prix Versele in Belgio. Ha esposto in mostre personali al museo d’arte contemporanea di Santiago de Compostela e a Cognac e partecipato a mostre collettive in Italia, Francia, Spagna, Stati Uniti, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Iran, Giappone, Cina e Corea. Tra queste la Mostra degli Illustratori della Fiera di Bologna nel 2005, 2006, 2007, 2008, Le Immagini della Fantasia di Sarmede nel 2006, 2007 e 2008 e Ilustrarte, in Portogallo, nel 2007. Sempre nel 2007 ha rappresentato l’Italia alla BIB, Biennale di Illustrazione di Bratislava. Nel 2009 ha curato la direzione artistica di un cortometraggio tratto dal suo libro “Ojobrusco”. I suoi originali sono esposti in gallerie negli Stati Uniti e in Francia. Dal 2007 tiene master, corsi e laboratori d’illustrazione con adulti e bambini in Italia, Francia e Spagna. Attualmente vive a Cesky Krumlov in Repubblica Ceca. Fra i numerosi libri che ha illustrato, ricordiamo: “La bruja rechinadientes”, “Mister Cuervo”, “Marizul que sueña que sueña que sueña…”, “El Tragaldabas”, “Titiritesa”, tutti pubblicati in Spagna da Oqo Editora. In Francia, per Sarbacane, ha illustrato “Le voyage de la Femme Éléphant” e “Olga et les masques”; per Milan “Histoires Naturelles” e per Rouergue “Les arbres pleurent aussi”. Fra i suoi ultimi libri usciti in Italia, “"Occhiobrusco" e "Taccuino di un animalista" (entrambi pubblicati da Logos nel 2009). Nel catalogo di orecchio acerbo: "Fuorigioco" di Fabrizio Silei (2014), "Mio padre, il grande pirata" di Davide Calì (2013), "Il grande cavallo blu" di Irène Cohen-Janca (2012), "Janet la storta" di R. L. Stevenson (2012), "Effetti collaterali" (2011), "L'autobus di Rosa" di Fabrizio Silei (2011), "L'albero di Anne" di Irène Cohen-Janca (2010), “Toni Mannaro” di Manuela Salvi (2006) e “Babau cerca casa” (2005), il suo libro di esordio nel mondo della letteratura per l’infanzia. 

 

BROSSURA
NUOVO

Recensioni

Domenica, 19 Aprile 2015

un vero capolavoro graphic che racconta la storia di Rosa Parks

(R)