La legge delle nubi

15,00 €
14,25 €
You save:
0,75 €
In Stock
La legge delle nubi è la nuova raccolta poetica di Roberto Rossi Precerutti, una delle voci più importanti di questi anni. Comprende testi composti dal 2006 al 2010.
Autore
Roberto Rossi Precerutti
 Torna a: Poesia

La legge delle nubi

di Roberto Rossi Precerutti

pag 158

 

La legge delle nubi è la nuova raccolta poetica di Roberto Rossi Precerutti, una delle voci più importanti di questi anni.

Comprende testi composti dal 2006 al 2010.

 

Frutti tardivi

Entrare in una vita non tua, quasi

sconosciuta, come se in quei misteri

quieto dimorasse Amore, o i sentieri

di vicine perdite e ombra invasi

 

fossero d’incomprensibile basica

luce: cosí, con nuova audacia ai neri

confini di un giorno morto, disperi

solo del tuo frutto tardivo, spasimo

 

di insorte dimenticate parole

a fermare i passi sopra affocati

tappeti, dietro finestre tremende –

 

sai che tutto, tutto si forma e splende

nell’aperto, nell’alto, o per stipati

piccoli inizi si consuma un sole.

 

 

Autore

Roberto Rossi Precerutti è nato l’8 giugno 1953 a Torino, dove vive, da famiglia lombardo-piemontese di antica origine (i Rossi dalla Manta, al cui ramo fiorentino appartenne Ernesto Rossi, insigne figura di antifascista, politico ed economista). Ha pubblicato il suo più recente lavoro poetico in Anagrammi (1988) e Musiche da cantar solo (1994). Per l’editore Crocetti ha curato Le più belle poesie di Stéphane Mallarmé (1994, collana Omicron 7) e Le più belle poesie di Arthur Rimbaud (1995, collana Omicron 10) e, oltre alla raccolta di sonetti caudati Elogi di un disperso mattino (2003, collana Neòteroi 2), aveva già pubblicato, sempre in questa collana, i volumi di versi Rovine del cielo (2005) e Una meccanica celeste (2000). Sulla rivista “Poesia” sono apparse sue traduzioni da Arnaut Daniel e altri trovatori, André Gide, Robert Desnos, Luis De Gòngora, Marguerite Yourcenar e altri. Suoi inediti sono stati ospitati in “Nuovi Argomenti” e “Poesia”.

brossura
lIbro nuovo

Recensioni

Domenica, 05 Giugno 2016

poesia finalmente

(R)