Porto Marghera

15,00 €
14,25 €
You save:
0,75 €
In Stock
Le condizioni di salute di 424 operai fanno scattare l'inchiesta sul Petrolchimico ritenuto responsabile delle loro condizioni e del disastro ambientale nella laguna di Venezia. Solo nel dicembre 2004 la Corte d'Appello di Mestre condanna per omicidio colposo 5 ex dirigenti Montedison a un anno e mezzo di pena.
Autore
Claudio Calia
 Torna a: Storie vere (graphic)

Porto Marghera

Sceneggiatura e disegni: Claudio Calia

Caratteristiche: 144 pagine, brossura, b/n

 

Il Petrolchimico di Porto Marghera con la lavorazione tossica del CVM, il cloruro di vinile monomero, ha ucciso 157 operai di cancro ed è causa del disastro ambientale nella laguna di Venezia.

Nel 1994 viene aperto un fascicolo giudiziario in base a un esposto sulle condizioni di salute di 424 operai presentato alla procura di Venezia da uno di loro, Gabriele Bortolozzo. Il sostituto procuratore Felice Casson avvia l’inchiesta sul Petrolchimico di Porto Marghera.

Nel 1997, 31 dirigenti ed ex dirigenti Montedison ed Enichem vengono rinviati a giudizio. Sono accusati di strage, disastro ambientale, omicidio colposo plurimo, lesioni, omissioni di cautele sui luoghi di lavoro, avvelenamento di acque e alimenti, abbandono di rifiuti tossici e realizzazione di discariche abusive.

Nel 1998 comincia il processo di primo grado al Petrolkiller.

Dopo 150 udienze e più di un milione di pagine di verbali, il 2 novembre del 2001 tutti gli imputati vengono assolti. Lo Stato ottiene dalla Montedison un risarcimento record di 600 miliardi di lire.

Solo nel dicembre 2004 la Corte d’Appello di Mestre condanna per omicidio colposo 5 ex dirigenti Montedison a un anno e mezzo di pena, confermata in Cassazione.

 

“Noi siamo quelli che sono morti per niente. Noi siamo il prezzo del progresso.” dalla prefazione di Gianfranco Bettin

“Mio padre sputava sangue. Cominciò così” Renato Agnoletto, udienza preliminare del processo

 

brossura
lIbro nuovo

Recensioni

Sabato, 11 Aprile 2015

graphic journalism di qualità

la storia è tragica, ma conoscere i fatti e importante,
perché non accada più

(R)