Dall'Atlante agli Appennini N. E. (dai 9 anni)

12,00 €
10,20 €
You save:
1,80 €
In Stock
Titolo, trama, personaggi, tutto è esplicito e diretto riferimento a "Dagli Appennini alle Ande". Ma Marco è diventato Youssef, il suo paese non è ai piedi dell'Appennino ligure ma dell'Atlante marocchino, l'Eldorado non si chiama Argentina ma Italia. Da una delle più interessanti scrittrici siciliane dei nostri giorni, la trasposizione contemporanea di uno dei più noti racconti di Edmondo De Amicis. Romanzo d'avventura e al tempo stesso lirica e dolente partecipazione sia alle sventure dell'emigrazione, sia al dramma della separazione di madre e figlio, "Dall'Atlante agli Appennini" è anche ferma e radicale denuncia di chi tutto questo sfrutta. Senza Cuore. Alla sua quarta ristampa, una nuova edizione del nostro libro più adottato nelle scuole.
Autore
Maria Attanasio
 Torna a: signorini&signorine / età 8-11

Dall'Atlante agli Appennini N. E.

di Maria Attanasio 

illustrazioni di Francesco Chiacchio  

pagine 112, cm. 15 x 20 

(dai 9 anni in su)

 

Un ragazzino, poco più di un bambino. La madre lontana, a lavorare in un paese straniero. Qualche saluto dai parenti di ritorno, poche lettere, poi neppure più quelle. E poi la decisione di imbarcarsi per andare a cercarla in quel paese lontano. La fame, il freddo, la paura. Per giungere però, col fiato sospeso, all'atteso lieto fine.

Titolo, trama, personaggi, tutto è esplicito e diretto riferimento a "Dagli Appennini alle Ande". Ma Marco è diventato Youssef, il suo paese non è ai piedi dell'Appennino ligure ma dell'Atlante marocchino, l'Eldorado non si chiama Argentina ma Italia. Da una delle più interessanti scrittrici siciliane dei nostri giorni, la trasposizione contemporanea di uno dei più noti racconti di Edmondo De Amicis. Romanzo d'avventura e al tempo stesso lirica e dolente partecipazione sia alle sventure dell'emigrazione, sia al dramma della separazione di madre e figlio, "Dall'Atlante agli Appennini" è anche ferma e radicale denuncia di chi tutto questo sfrutta. Senza Cuore. Alla sua quarta ristampa, una nuova edizione del nostro libro più adottato nelle scuole.

 

Autori

Maria Attanasio è nata a Caltagirone nel 1943. Ha svolto attività di insegnante e preside. Ha iniziato a pubblicare nel 1979, con “Interni”, pubblicato nell'antologia dei "Quaderni della Fenice" (Guanda, 1979). La sua prima raccolta poetica è stata “Nero barocco nero” (Sciascia, 1985), a cui sono seguiti “Eros e mente” (ed. La vita felice, 1996), “Ludicamente” (Ed. Avagliano, 2000) e “Amnesia del movimento delle nuvole” (ed. La Vita Felice, 2003). Ha pubblicato per le riviste “Autobus”, “Cobold”, “Nuovi Argomenti”, “Per approssimazione”, “U & G”, “Spirali”. Redattrice della rivista “Tabella di marcia”, ha collaborato con il quotidiano “La Sicilia”. Nel 1994 esce per Sellerio (nella collana I Divani) “Correva l'anno 1698 e nella città avvenne il fatto memorabile”, prima prova di scrittura narrativa di Attanasio, che nel 1999 pubblica il bellissimo “Di Concetta e le sue donne” (Sellerio) con cui dà voce a una donna - Concetta - e ad un momento della storia civile e politica della Sicilia. Sempre da Sellerio ha pubblicato nel 1998, “Piccole cronache di un secolo”, un libro di racconti, ambientati nel Settecento, scritto insieme al conterraneo Domenico Amoroso. Nel 2007 esce “Il falsario di Caltagirone: notizie e ragguagli sul curioso caso di Paolo Ciulla” (Sellerio). Tra le sue prove saggistiche, oltre a diverse prefazioni a libri di autori soprattutto siciliani, da ricordare "Scuola e sistema mafioso" (Tringale, 1983), segno dell'impegno civile concreto di Attanasio. Come poetessa, scarna e concisa, sublima melodicamente la femminilità tenera e nel contempo la sete di giustizia sociale che sfocia in un femminismo delicato ed incisivo politicamente. Nei suoi romanzi si mischiano storia realmente accaduta e fantasia, facendo muovere i personaggi realmente esistiti in azioni fantasiose, senza mai distorcere nulla alla "storia" del personaggio ed immergendo i suoi eroi in azioni metaforiche e di ribellione contro una società ingiusta ed un destino che "poteva essere ben diverso" se... Nel catalogo di orecchio acerbo: “Dall’Atlante agli Appennini” illustrato da Francesco Chiacchio (2008) il suo libro d’esordio nella letteratura per ragazzi. 

Francesco Chiacchio è nato a Fiesole nel 1981, vive e lavora a Firenze dove ha frequentato l'ISIA. Dal 2005 al 2007 ha illustrato i racconti di Gianluca Monastra e Massimo Basile per la rubrica “90 secondi all'inferno” di “Jazzit”, bimestrale specializzato in musica jazz. Nel 2007 le illustrazioni pubblicate su “Jazzit” sono state raccolte nel libro “90 secondi all'inferno-storie jazz” insieme ai racconti di Monastra e Basile per la casa editrice Luciano Vanni Editore. Nello stesso anno ha partecipato con la storia a fumetti “Miracolo a Polignano” all'antologia “Gli intrusi, appunti da una terra vicina”, edita da Coconino Press. Nel 2008, sempre con Coconino Press, ha pubblicato la storia breve a fumetti “Ash” sulla rivista “Black”. Nel catalogo di orecchio acerbo: “Dall'Atlante agli Appenini” di Maria Attanasio (2008). 

 

brossura
lIbro nuovo

Recensioni

Giovedì, 02 Giugno 2016

brillante rivisitazione moderna del classico di De Amicis

(R)