C'era una volta la Fiat

12,00 €
10,20 €
You save:
1,80 €
In Stock
“L’aggancio dell’Italia alla condizione sindacale degli Usa, è il vero paradigma di questa storia in cui, non casualmente, si connettono le relazioni sindacali e l’avvio dell’avventura americana della Fiat. […] Un sindacato orientato alla clientela, al prodotto, ai risultati aziendali e non un sindacato concentrato sulla difesa degli interessi dei propri iscritti e dei lavoratori in generale”.
Autore
Salvatore Cantavo
 Torna a: Saggistica

C'era una volta la Fiat

- La nuova Fca e lo scontro di Marchionne con il sindacato

di Salvatore Cantavo

postfazione di Alberto Piccinini

pag 128

 

Da gennaio 2014, grazie a Obama e ai sacrifici del sindacato Usa, la Fiat rileva l’intero capitale della Chrisler diventando Fca. Torino non sarà più la testa del gruppo, e la lotta alla Fiom portata avanti in questi anni da Marchionne assume un significato più evidente: le condizioni sindacali degli Usa devono diventare il paradigma per le relazioni di lavoro di tutto il gruppo, anche in Italia.

Questa nuova edizione di C’era una volta la Fiat fa il punto sui nuovi progetti di Marchionne, mettendoli a confronto con ciò che sono diventate le condizioni di vita e di lavoro negli stabilimenti Fiat. La vita dentro Mirafiori, le vicende che hanno riguardato Melfi, il tramonto di Termini Imerese. E poi, la storia di dove tutto è cominciato, Pomigliano d'Arco. Fatti e retroscena del più grande gruppo finanziario e industriale italiano che ha deciso di abbandonare l'Italia dopo essere stato assistito da tutti i governi. Un viaggio in una storia italiana che si appresta a diventare straniera.

“L’aggancio dell’Italia alla condizione sindacale degli Usa, è il vero paradigma di questa storia in cui, non casualmente, si connettono le relazioni sindacali e l’avvio dell’avventura americana della Fiat. […] Un sindacato orientato alla clientela, al prodotto, ai risultati aziendali e non un sindacato concentrato sulla difesa degli interessi dei propri iscritti e dei lavoratori in generale”.

 

Autore

Salvatore Cannavò, nato nel 1964, è giornalista del Il Fatto quotidiano per cui si occupa di economia e lavoro. Ha lavorato per tredici anni al quotidiano Liberazione di cui è stato vicedirettore. Dal 2006 al 2008 è stato deputato, ed è direttore editoriale di Edizioni Alegre. Ha pubblicato Porto Alegre capitale dei movimenti (Manifestolibri, 2002), La rifondazione mancata (Alegre, 2009), Altre sanguisughe (Aliberti 2011), C’era una volta la Fiat (Aliberti, 2012).

Alberto Piccinini, avvocato giuslavorista membre, insieme ad altri colleghi avvocati, del collegio difensivo Fiom, è autore dell'appendice del libro.

brossura
lIbro nuovo

Recensioni

Martedì, 13 Settembre 2016

vatti a fidare di Marchionne...

(R)