Battista al giro d'Italia

15,00 €
14,25 €
You save:
0,75 €
In Stock
«Ore 8,40 - Partenza. Mi lancio seguito dal fido Battista, che pedala dignitosamente. Per andare piú spedito, si è legato i favoriti dietro il collo. Voglio vedere se mi riesce di vincere questa tappa. Per ora non vedo nulla alla ribalta delle previsioni. Un corridore si affianca a un'automobile della stampa annunziando che lo affligge un foruncolo a una coscia. Se non potrà dare alla corsa tutte le sue brillanti risorse, non si deve pensare male di lui. La colpa è del foruncolo. Per gli scettici, mostra il foruncolo. I giornalisti annotano febbrilmente «foruncolo », mentre, dalla macchina di un giornale concorrente, giornalisti si protendono trepidanti, per tema che altri possa fare un servizio piú completo del loro. Naturalmente, il particolare del foruncolo è tenuto segretissimo dai fortunati che ne sono a conoscenza. E gli altri passano ore angosciose.»
Autore
Achille Campanile
 Back to: Sport & Motori

Battista al giro d'Italia

di Achille Campanile

pagine 192

 

«Ore 8,40 - Partenza. Mi lancio seguito dal fido Battista, che pedala dignitosamente. Per andare piú spedito, si è legato i favoriti dietro il collo. Voglio vedere se mi riesce di vincere questa tappa. Per ora non vedo nulla alla ribalta delle previsioni. Un corridore si affianca a un'automobile della stampa annunziando che lo affligge un foruncolo a una coscia. Se non potrà dare alla corsa tutte le sue brillanti risorse, non si deve pensare male di lui. La colpa è del foruncolo. Per gli scettici, mostra il foruncolo. I giornalisti annotano febbrilmente «foruncolo », mentre, dalla macchina di un giornale concorrente, giornalisti si protendono trepidanti, per tema che altri possa fare un servizio piú completo del loro. Naturalmente, il particolare del foruncolo è tenuto segretissimo dai fortunati che ne sono a conoscenza. E gli altri passano ore angosciose.»

 

Autore

Achille Campanile (1900-1977), pseudonimo di Gino Cornabò, fu narratore, giornalista e commediografo d'un umorismo macchiettistico, spesso paradossale e assurdo. Fra le sue molte opere, si ricordano "Centocinquanta la gallina canta", breve commedia umoristica del '31, "Agosto, moglie mia non ti conosco" (1930) e "L'amore fa fare questo e altro" (1931).

 

brossura
lIbro nuovo

Reviews

There are yet no reviews for this product.